Fulmini dell’alta atmosfera

“Da Wikipedia,  

I fulmini dell’atmosfera superiore e i fulmini ionosferici sono termini talvolta usati dai ricercatori per riferirsi a una famiglia di fenomeni di interruzione elettrica di breve durata che si verificano ben al di sopra delle altitudini normali dei fulmini e delle nuvole temporalesche. Si ritiene che i fulmini dell’alta atmosfera siano forme di plasma luminoso indotte elettricamente . L’uso preferito è l’evento luminoso transitorio (TLE), perché i vari tipi di fenomeni di scarica elettrica nell’alta atmosfera mancano di diverse caratteristiche dei più familiari fulmini troposferici.”

Fotografo questi eventi da quando li ho scoperti, la mia prima ripresa di un TLE, in particolare di uno sprites risale al 2017,  da allora ci provo  ogni qualvolta mi si presentano le condizioni buone ovvero quando un forte temporale si sviluppa alla giusta distanza  ed il cielo sopra di me è sgombero da nuvole.  La distanza deve essere  tra i 100 ed i 600km .  Fino ad ora ne ho fotografati sopra i cieli della Sardegna, della Francia,  dell’Austria e dell’Ungheria)  . Dopo almeno un centinaio di Sprites, questo è il mio primo Elfo, e da quanto si dice nel mondo degli esperti del settore, è la miglior foto di sempre fatta a questo fenomeno.

La foto ritrae un Elves   (emission of light and very low frequency perturbations due to electromagnetic pulse sources) (Elfo in italiano). È una rara specie di Sprite scoperta nel 1990 dalle telecamere a bordo dello space shuttle e si forma sopra ai temporali con fulmini molto potenti.

Lo scatto è stato fatto il 27 marzo alle  21.43 da casa mia a Possagno, TV.  Il fulmine che lo ha scatenato era a  Polverigi, AN a 285km in linea d’aria. È stato così forte da generare un intenso impulso elettromagnetico. L’anello rosso segna il punto in cui l’impulso ha colpito la ionosfera terrestre. I normali fulmini trasportano da 10 a 30 chiloampere di corrente; questo fulmine  era circa 10 volte più forte del normale (401kampere).

La durata del ‘’lampo’’ è di circa un millisecondo, la ‘’ciambella’’ ha un diametro misurato da me di circa 360km ed un altezza dal suolo di circa 90/100km.

La foto è stata fatta utilizzando strumenti dedicati a questo tipo di riprese: una fotocamera ad alta sensibilità Sony A7S defiltrata a 51.200 ISO; obiettivo Nikon 20 mm 1.8 a tutta apertura; 1/25 sec. Registratore esterno Atomos Ninja Flame a 4K

Valter Binotto

Immagini collegate: